Tabagismo

  
tabagismo
 
(*) Clicca sulla foto per ingrandirla

Induzione alla disassuefazione al fumo

Smettere di fumare può essere facile… a patto che siate forti nella vostra convinzione! Il primo aiuto deve venire da VOI, basandolo sull’idea di quello che volete fare; senza questa convinzione la dipendenza sarà più forte della volontà e non esisterà mai alcun metodo, farmaco o magia che possa aiutarvi: non c’è al mondo nessuna procedura che vi liberi in modo indolore dalla dipendenza.

Il fumatore ha una doppia dipendenza: quella fisica (legata a delle sostanze) e quella psicologica (legata alla ritualità). 
Il fatto di smettere di fumare e pensare che si stia facendo la cosa più giusta della nostra vita (e lo è sicuramente), non aiuta a liberarsi dal pensiero dalla sigaretta ma è l’inizio di un percorso che può essere lungo, faticoso ma anche gratificante.

Il metodo

Il primo elemento fondamentale è la scelta del paziente di smettere di fumare: il metodo ha la funzione di aiutare il soggetto nelle prime settimane dalla sospensione del fumo, se il paziente non ha realmente deciso di smettere difficilmente si otterranno dei risultati duraturi.

Sono proposte due sedute di agopuntura auricolare (la seconda a distanza di 15/20 giorni dalla prima) preceduta da valutazione psicodinamica delle motivazioni al fumo e al desiderio di interrompere; le motivazioni possono essere rafforzate nell’ambito del counseling.
 In alcuni casi, per evitare di far emergere una situazione psichica peggiore, il medico può rifiutarsi di applicare il metodo. Valutata la situazione psichica generale viene eseguito un esame fisico e impostata una serie di esami strumentali atti a valutare le condizioni generali dell’apparato respiratorio e delle condizioni globali.

Durante la prima seduta viene eseguita la ricerca del punto auricolare specifico facendo fumare il paziente. Una volta identificato il punto (con detettore manuale a pressione) il gusto della sigaretta si altera diventando indefinito o amaro. Si possono associare una serie di sintomi di vario genere (disgusto, formicolii della cavità buccale, nausea, mal di testa, sensazione di chiusura della glottide) che scompaiono quando il paziente non fuma o non viene eseguita pressione sul punto individuato.
Vengono quindi posizionati tre piccoli aghi a semipermanenza (dimensione 1 mm x 2 mm) sterili e monouso come nella figura che rimarranno in sede nei giorni successivi e andranno massaggiati più volte al giorno. Da quel momento il paziente deve smettere di fumare.

E’ utile (ma non indispensabile) associare anche agopuntura somatica classica (aghi posizionati sul corpo) sia durante la seduta di auricoloterapia sia con cadenza settimanale per le prima 4/6 settimane viene prescritto per aiutare il paziente:

1- Per evitare la crisi d’astinenza:
Tabacum in preparazione omeopatica alla 4 diluizione in gocce a scalare nel mese
2- Per compensare l’abitudine comportamentale alla gestualità del Fumo:
Radix liqueritiae qb
3- Per favorire una ripresa dell’attività delle ciglia vibratili dell’apparato bronco-polmonare come mucolitico ma, anche, per l’azione antiossidante:
NAC (N-Acetil-Cisteina).

Scroll Up